Ismett

Diritti e doveri



Ogni paziente ha diritto a:

  • Essere assistito e curato con premura e attenzione, nel rispetto della dignità umana e delle proprie convinzioni religiose e filosofiche.
  • Non subire discriminazioni per ragioni di sesso, razza, religione, convinzioni politiche e condizioni economico-sociali.
  • Ricevere un'ospitalità e un trattamento alberghiero secondo livelli di qualità dignitosi.
  • Aver rispettati tutti i diritti che competono a ogni essere umano.
  • Essere sempre individuato con il proprio nome e cognome durante il periodo di degenza, anziché con un numero o col nome della malattia ed essere interpellato con il "Lei" e non con il "Tu".

Informazione sanitaria e consenso informato

Il paziente ha diritto a:

  • Ottenere da ISMETT informazioni sulle prestazioni erogate, sulle modalità di accesso e sulle relative competenze.
  • Poter identificare immediatamente le persone che lo hanno in cura.
  • Ottenere dai medici e dagli operatori sanitari un'informazione chiara, semplice, essenziale, completa e comprensibile, in merito alla diagnosi della malattia, alla terapia proposta e alla relativa prognosi.

In particolare, salvo i casi di urgenza, nei quali il ritardo possa comportare pericolo per la salute, il paziente ha il diritto di ricevere informazioni e indicazioni riguardanti:

  • Il proprio stato di salute.
  • La causa, la durata e l'evoluzione della malattia (laddove possibile).
  • La natura e gli effetti dei trattamenti diagnostici e terapeutici.
  • La possibilità d'indagini e di trattamenti alternativi; ove il paziente non sia in grado di determinarsi autonomamente, tali informazioni devono essere fornite ai familiari o a coloro che esercitano la potestà tutoria.
  • La partecipazione all'elaborazione del piano di cura.
  • I riflessi della malattia e delle cure sullo stato e sulla qualità della propria vita.
  • Tutti i rimedi terapeutici e assistenziali esistenti, atti a evitare o sedare gli eventuali stati di sofferenza e di dolore.
  • Tutte quelle notizie che gli permettano di esprimere un consenso effettivamente informato prima di essere sottoposto a terapie e interventi.

Avendo ricevuto un'adeguata informazione sanitaria, è diritto del paziente dare o negare il proprio consenso per le analisi e le terapie proposte.

Il personale medico, senza il consenso sottoscritto della persona assistita, non può intraprendere alcuna attività di diagnosi e cura, eccetto nei casi previsti dalla legge: necessità e urgenza; oppure quando la persona, al momento incapace di esprimere la propria volontà, si trovi in pericolo di vita.